l magistero cattolico e la sfida della non credenza: una sintesi degli orientamenti a partire dal Concilio Vaticano II

Sommario: I. La percezione pastorale delle forme della non credenza. 1. Il Concilio Vaticano II di fronte all’ateismo. 2. Lo slittamento della problematica della non credenza: indifferenza religiosa e secolarismo nel magistero postconciliare. 3. Breve excursus sul “ritorno religioso” – II. Domanda religiosa dell’uomo e antropologia cristiana. 1. La dottrina conciliare sulla vocazione dell’uomo alla verità religiosa. 2. L’antropologia religiosa di Giovanni Paolo II. 3. Cristo, risposta della rivelazione al problema religioso – III. Evangelizzazione e testimonianza: il compito dei cristiani di fronte all’indifferenza e alla non credenza. 1. Il Vaticano ii e l’evangelizzazione del mondo moderno. 2. Il proseguimento dell’eredità conciliare nel magistero successivo. 3. Testimonianza, portata sociale dell’evangelizzazione ed il ruolo dei laici – IV. Conclusioni. 

Nei decenni che ci separano dalla conclusione del Concilio Vaticano ii la problematica della non credenza ha subito profondi mutamenti, spostandosi il suo centro di gravità dall’ateismo all’indifferenza religiosa e al secolarismo. La presente ricerca intende fornire uno status quaestionis sul magistero cattolico, dall’ultimo concilio ad oggi, che riguarda tale tematica, per presentarne poi l’orientamento pastorale nelle sue linee fondamentali. L’esposizione si articola in tre sezioni: i. esame della percezione del problema nei documenti del magistero; ii. sintesi delle affermazioni di carattere antropologico in essi contenuti; e infine, iii. descrizione della proposta pastorale per far fronte alla sfida della non credenza. Si include un excursus sul “risveglio religioso”.

In the decades that separate us from the last ecumenical Council, the phenomenon of non-belief has gone through deep changes, moving its center from atheism to religious indifference and secularism. The present study aims to provide a status quaestionis on the Church’s teachings related to the subject, from Vatican Council ii to our days, followed by an overview of their main pastoral guidelines. The contents are organized according to the following scheme : i. Outlook on the perception of the problem in the official documents of the Church; ii. Brief account of the anthropological statements there contained; iii. Description of their proposals to face the challenge of non-belief. An excursus on “religious revival” is included.

 

Acquista/Buy